Le nuove procedure in materia di spandimento reflui zootecnici

 

 

La norma oggi vigente che regola l’attività in oggetto è il DPR 11.01.2013 n. 03/Pres (Regolamento recante la disciplina dell’utilizzazione agronomica dei fertilizzanti azotati e del programma d’azione nelle zone vulnerabili da nitrati, in attuazione dell’art. 20 della L.R. 16/2008, dell’art. 3, comma 28, della L.R. 24/2009 e dell’art. 19 della L.R. 17/2006). Ogni nuova comunicazione a partire dal 01.01.2013 dovrà essere effettuata utilizzando il portale del Sistema informativo agricolo della Regione il cui sito è il seguente:

siagri.regione.fvg.it/portale/it/;jsessionid=BA8618DB5498A42A4783C8F4FF8E1730

 

il Regolamento di cui sopra è stato pubblicato sul B.U.R. n. 4 del 23.01.2013 ed è scaricabile dal sito lexview-int.regione.fvg.it/FontiNormative/Regolamenti/D_P_REG_0003-2013.pdf

 

Per quanto riguarda ulteriori norme di riferimento, si richiama inoltre il Regolamento di Polizia Rurale del Comune di San Quirino, in particolare l’art. 43/bis per quanto concerne l’immediato interramento se i terreni distano meno di 300 metri dalle zone residenziali e meno di 100 metri da abitazioni sparse, strade provinciali e strade statali/regionali, ovvero il divieto di spandimento su terreni saturi d’acqua o con precipitazioni piovose in atto, su terreni incolti o privi di copertura vegetale, rispetto delle distanze da fossi, scoline e corsi d’acqua superficiali.

E ancora, per ulteriori aspetti ove di interesse, si richiamano il Codice di buona pratica Agricola (D.M.Politiche Agricole e Forestali 19 aprile 1999), il D.M. 07.04.2006 (Criteri e norme tecniche generali per la disciplina regionale dell'utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, di cui all'articolo 38 del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152), il DGR 28.07.2011 n. 1464 (Regolamento per la disciplina dell’utilizzazione agronomica dei fertilizzanti azotati e programma d’azione nelle zone vulnerabili da nitrati in attuazione della L.R. 05.12.2008 n.16, della L.R. 25.08.2006 n.17 e della L.R. 30.12.2009 n.24).